rinascitabasketrimini it presentati-ufficialmente-i-progetti-rbr-hero-school-e-rbr-phoenix-n3297 001

Presentati ufficialmente i progetti RBR Hero School e RBR Phoenix!

07/10/2021
rinascitabasketrimini it presentati-ufficialmente-i-progetti-rbr-hero-school-e-rbr-phoenix-n3297 002
RBR Hero School e RBR Phoenix sono realtà!

E' stata una conferenza stampa molto importante quella tenutasi in mattinata presso gli amici della Fermata Est e trasmessa in diretta sulle pagine Facebook Icaro Sport e RBR, in cui sono stati presentati due importanti progetti che confermano l'impegno di RBR per il territorio a 360 gradi: RBR Hero School per la promozione del basket nelle scuole e RBR Phoenix per coltivare il movimento del basket femminile.

Per la realizzazione di entrambi i progetti è stato determinante il sostegno del nostro (molto più che un) main sponsor RivieraBanca a cui va un sentito ringraziamento per la vicinanza che ci offre in ogni nostra iniziativa.

La conferenza verrà trasmessa in differita questa sera alle ore 22.00 su Icaro TV (canale 91 digitale terrestre).

"In quest'ultimo anno e mezzo abbiamo dovuto interrompere dei progetti che ci stavano molto a cuore, ora siamo finalmente arrivati ad una sorta di normalità. - dice in apertura il DS Davide Turci - Questo per noi significa tornare nelle scuole e soprattutto iniziare una collaborazione importante con Happy Basket, siamo orgogliosi di questo. Ringrazio il main sponsor RivieraBanca, al nostro fianco in ogni progetto, e faccio un grande in bocca al lupo alla Fermata Est per l'inizio della loro attività ed ai nostri due progetti che come RBR siamo orgogliosi di presentare."

"Quasi 3 anni fa siamo entrati nella scuola di Miramare col progetto RBR Hero School perchè la nostra mascotte, appunto Hero, era ciò che identificava il nostro progetto verso famiglie e bambini. - così il responsabile marketing e comunicazione Simone Campanati - Ci sembrava logico trasportarla dentro il mondo dei piccoli: il progetto fu entusiasmante perchè, al di là del progetto tecnico, si creò subito un ambiente di festa. Dopo che gli istruttori fecero lezioni nelle classi abbiamo incontrato i genitori ai quali è stato spiegato il progetto RBR: inizialmente c'era diffidenza, ma nel giro di pochi minuti grazie al racconto di questo progetto cambiò l'umore delle persone perchè avevano capito che era solido e si basava sulle famiglie. Dopo quella giornata ci furono 10 iscritti al Miramare Basket ed alla successiva partita al Flaminio vennero 50 persone da Miramare: questo era il sintomo di un progetto che poteva amplificarsi e diventare importante perchè il settore giovanile è una parte importante per noi. Le nostre società affiliate sono un valore per RBR quindi abbiamo deciso, restrizioni Covid permettendo, di estendere il progetto a tutta Rimini."

"L'importanza di questo progetto deriva da un tempo lungo che non è dipeso da noi, eravamo già pronti 3 anni fa. - prende la parola il responsabile del progetto RBR Hero School Massimiliano Intorcia - Il progetto prevede l'intervento in tutte le classi delle elementari di quattro lezioni gratuite svolte dai nostri istruttori che affiancheranno le maestre per poter dare un'idea della pallacanestro, non solo dal punto di vista sportivo ma anche attraverso i principi che legano tutto il settore giovanile delle società collegate a RBR fino a sfociare nella Prima Squadra: integrazione, socializzazione, divertimento. Questo progetto ha anche una valenza sociale perchè abbiamo deciso di avvalerci di un esperto, psicologo o educatore, nell'ambito delle tematiche che possono esserci intorno ai ragazzi così piccoli, ci sono due grandi filoni: dalla prima alla terza e dalla quarta alla quinta elementare perchè i bambini crescono e si diversificano le problematiche, comunque creando un filo conduttore che porta alla solitudine vissuta da questi ragazzi nel periodo del Covid. Alle scuole abbiamo inoltre proposto di provare, quando si potrà, un momento di riflessione insieme ai genitori per poter sottolineare come l'attività sportiva possa far tornare i nostri ragazzi alla normalità."

"Al termine delle quattro lezioni ci sarà un evento finale coi giocatori della Prima Squadra RBR e la mascotte. - spiega Simone Campanati - Oltre all'educazione sportiva vogliamo riportare al proprio posto la creatività ed il divertimento che sono insiti nei bambini, il Covid ha sicuramente offuscato tutto questo."

"In quanto istruttori riusciamo a coinvolgere i bambini anche perchè il pomeriggio spesso li ritroviamo in palestra. - parole di Ciro Luongo, istruttore RBR Hero School - Questo ci dà tanta gioia e speranza per non lasciarli senza far niente al pomeriggio. Con questo intervento vogliamo coinvolgere tutto il territorio provinciale, ad esempio Santarcangelo, San Vito e ci piacerebbe anche Riccione. L'entusiasmo dei bambini in palestra è lo stesso che vediamo al palazzetto, l'obiettivo è dare risalto anche alle famiglie che spesso ci chiedono ulteriori attività per i loro figli."

"Lo sport riesce ad accomunare tante diversità, soprattutto per i bambini più disagiati offre un'occasione gratuita di conoscersi e muoversi. - interviene la vice preside della Scuola Primaria del Centro Storico di Rimini Nadia di Matteo - Lo sport è una bella cosa perchè soprattutto dopo la pandemia unisce i ragazzi: se noi proponessimo ai ragazzi l'alternativa tra una merenda ed andare a fare sport loro sceglierebbero la seconda opzione perchè hanno bisogno di stare insieme, lo sport in questo è fondamentale perchè insegna proprio questo con regole ben chiare. E' un'occasione molto bella e positiva perchè i bambini che fanno sport sono disciplinati, questo si ritrova poi nell'insegnamento."

"Coloro che terranno le lezioni saranno gli istruttori delle società di riferimento, appoggiati dal progetto nativo di RBR. - così ancora Simone Campanati - Siamo presenti su tutto il territorio grazie alle nostre società satellite, questo progetto include tante realtà. Come sempre in tutti i nostri progetti siamo fieri del nostro main sponsor RivieraBanca che ovviamente rientra anche in questa iniziativa: ci accomunano tanti valori e i giovanissimi sono insiti in entrambe le realtà."

"RivieraBanca c'è e conferma il sostegno al mondo dello sport e dei giovani. - dice Matteo Merlini, responsabile Retail, Marketing Territoriale e Digital Innovation Bank - Questa è una delle tante occasioni con cui entreremo nelle scuole con una chiave, però, diversa dal tradizionale: per noi è una bella sfida e sono contento di affrontarla insieme a voi. Non abbiamo soltanto messo il nome ad una squadra di basket, ma anche sposato tutti i valori e ciò che rappresenta: questa partnership con RBR Hero School dev'essere una chiave di volta che valorizzi i ragazzi che stanno attraversando un periodo non facile."

Sul progetto è intervenuto anche il Presidente di RivieraBanca Fausto Caldari:

"Questo progetto è il completamento della intensa e proficua collaborazione con RBR ed è in linea con i reciproci valori legati al mondo sportivo, sociale e giovanile, che a noi sta particolarmente a cuore."

"RBR Hero School vuole diventare un brand. - ribadisce Simone Campanati - Esiste già una pagina Facebook sulla mascotte e mi piacerebbe raccontare i bambini attraverso le nostre società facendo sì che non sia solamente un progetto dentro scuola e palestra, ma con la possibilità di dare contenuti alle famiglie."

Spazio poi alla presentazione di RBR Phoenix, il progetto destinato alla valorizzazione del basket femminile riminese in collaborazione con Happy Basket.

"Insieme a me collaborano strettamente Pierfilippo Rossi e Gianluca Sansone che hanno molta esperienza. - spiega il co-responsabile del progetto RBR Phoenix Massimiliano Intorcia - Era da tempo che avevamo in mente questo progetto e sono contento di poterlo presentare perchè è una realtà importante nel mondo della pallacanestro, oltre ad essere rappresentata da una società storica come l'Happy Basket del Presidente Giampaolo Piomboni che ha mantenuto sempre vivo l'aspetto femminile nonostante tantissime difficoltà. Quello che abbiamo voluto ricreare è stato una sorta di percorso, sulla falsariga del maschile, creando delle squadre formate dai migliori prospetti della provincia di Rimini che potessero un giorno arrivare in Prima Squadra, al momento in serie B con l'Happy Basket. Insieme a tutte le società abbiamo creato quattro gruppi, per ora: U19, U17, U15 e U13 che provengono dalle nostre realtà, ovviamente la parte predominante viene fatta dall'Happy Basket perchè ha sempre lavorato in questo modo ma negli anni le bambine che hanno voluto continuare a fare sport anche dopo il minibasket, ad esempio con Santarcangelo e IBR, sono convogliate tutte nelle stesse squadre. Vogliamo avere gruppi femminili anche in società che normalmente non li avevano, sia lavorando attraverso il reclutamento nelle scuole sia con la crescita di questo progetto. Ci sono già gruppi numerosi, abbiamo da poco iniziato una collaborazione con le esordienti arrivando a 15-16 bambine senza essere ancora entrati nelle scuole."

"Da quando avevo 14-15 anni ho seguito questa realtà grazie a mio padre che è stato fino all'anno scorso uno dei più grandi allenatori italiani di basket femminile. - così il co-responsabile del progetto Pierfilippo Rossi - Mi ci sono appassionato ed ho iniziato a lavorare grazie all'opportunità che mi ha dato il Presidente Piomboni dell'Happy Basket: i risultati sono andati oltre le aspettative, ma non era abbastanza perchè ci sono stati diversi problemi con anni molto difficili. Questa collaborazione vuole dire molto perchè riusciamo ad avere i numeri adatti per fare un settore giovanile di livello, non credo che tutte le società limitrofe, e non, abbiano 5-6 categorie giovanili ed una Prima Squadra a pieno. Stiamo cercando di creare i gruppi giusti per far sì che tutte giochino provando a fare una selezione giusta per le ragazze che hanno possibilità di ambire alla serie B. Le ragazzine hanno più difficoltà ad essere reclutate perchè ci sono altre discipline più attraenti, per questo sono importanti le scuole: abbiamo bisogno del serbatoio che ci aiuti a continuare a farlo. Credo e spero di poter dare la mia esperienza così come gli altri allenatori, è un comparto che dobbiamo cercare sicuramente di migliorare."

"Ho pensato tanto prima di questo progetto, noi siamo stati abituati a lavorare sempre da soli nelle difficoltà ed incertezze. - queste le parole del Presidente dell'Happy Basket Giampaolo Piomboni - Abbiamo fatto un sacrificio enorme, il mio pensiero negli ultimi anni è sempre stato quello di non buttare via 50 anni di passione e dare continuità ad uno sport che all'Italia dà tante soddisfazioni. Ad un certo punto ci siamo ritrovati ad essere una piccola società che faceva enormi sacrifici per fare quattro campionati, in un anno come il Covid questo non si poteva fare perchè per il rispetto dei gruppi non abbiamo trasferito ragazze di età inferiore per campionati superiori. Ho cercato Paolo Carasso e Massimiliano Intorcia per questa idea di entrare nel mondo RBR come società, che mi era già stata sollecitata, e l'ho accolta volentieri perchè credo che sia l'unica strada per uscire fuori da questa situazione al femminile. RBR ha fatto cose importanti con gli uomini, abbiamo unito le forze perchè RBR è un progetto che ha bisogno di tempo per costruire una squadra femminile competitiva così come nessuno di noi era pronto a condividere il discorso di fare leva nelle scuole: RBR Phoenix è nato con la voglia di mettere insieme le forze che c'erano nella provincia, soprattutto Angels e IBR. Adesso c'è bisogno che tutti spingano in un'unica direzione per arrivare a dei numeri che consentano di disputare campionati èlite e permettere a tutti di stare in gruppo. Ognuno rimane titolare del proprio minibasket ed esordienti, la Prima Squadra sarà a nostro nome con i nostri sponsor, mentre dall'U13 all'U19 vogliamo farlo insieme: ci vogliono buoni allenatori e gestire bene quelle ore in palestra a lavorare."

"Ho avuto modo di conoscere il mondo Happy Basket perchè ho partecipato a tutte le giovanili ed è per me un grande onore approfondire anche da questo punto di vista la mia passione, la pallacanestro, con quello che sto studiando. - chiude Gaia Panzeri che curerà il reparto social del progetto - Studio informazione, media e pubblicità ad Urbino ed in questo modo posso avere anche un campo di prova. Ci sarà una pagina Facebook che tratterà del basket femminile non solo a livello locale, col progetto Phoenix, ma a 360 gradi: il basket è uno sport prettamente maschile, la parte femminile è sottovalutata e per me è importante valorizzarla."

P.S. Non dimenticate di acquistare il vostro abbonamento!! Avete tempo fino a domenica!

Forza Rimini!!!


#playlikeahero
#hoguardatodentrounemozione
CLASSIFICA
TEAM
Pt
RivieraBanca Basket Rimini
4
New Flying Balls Ozzano
4
Andrea Costa Imola
4
Tigers Cesena
4
Il Campetto Ancona
4
Giulia Basket Giulianova
4
Roseto Basket
4
Real Sebastiani Rieti
4
NPC Rieti
4
Raggisolaris Faenza
2
Pall.Senigallia
2
Virtus Civitanova
2
Teramo a Spicchi
2
Luiss Roma
2
Aurora Jesi
1
Sutor Montegranaro
0

NEWSLETTER

MAIN SPONSOR

Powered by
rinascitabasketrimini it presentati-ufficialmente-i-progetti-rbr-hero-school-e-rbr-phoenix-n3297 075
rinascitabasketrimini it presentati-ufficialmente-i-progetti-rbr-hero-school-e-rbr-phoenix-n3297 076
Rinascita Basket Rimini

Via Flaminia 28 Rimini (Rn)
P.Iva 04405160401 Privacy Policy (Preferenze Cookie)
E-mail: info@rinascitabasketrimini.it
Credits TITANKA! Spa ©